Post più popolari

venerdì 8 gennaio 2016

concerto di Natale 2015



"CONCERTO DI NATALE 2015"


 auguri di buon natale      

             (canzone cantata dai bambini di 4 anni solista Giorgia F.)

Auguri di buon natale, auguri di buon natale, 
auguri di buon natale e buon anno anche a voi (2volte)
Auguri festosi portiamo calorosi a voi per natale e per l’anno che vien
a tutti un buon natale a tutti un buon natale 
a tutti un buon natale e buon anno anche a voi (2volte)



poesia:   Natale        (GiorgiaFAmbra, Letizia, Beatrice)
                                                                                                                    
E’ la musica del cuore che ci riempie di calore                                                                                                               
con i canti di Natale e la festa generale  
                                                                                                                                         vi auguriamo tanta gioia ed un anno senza noia     
                                                                     
tanti auguri e sono tanti buon natale a tutti quanti.                


 poesia : Dolce Natale      (Riccardo, Andrea, Davide)
                                                      
Dolce è Natale, dolce è Gesù dolce è la neve che scende giù,      

Dolce è la mamma ed il papà, e tutti quelli che sono qua.      
      
Oggi è Natale siam tutti contenti Auguri e bacetti a tutti i presenti.    



  Happy Christmas                           

 (canzone cantata solo dai bimbi di 5 anni)

Vedere una luce che più forte si fa
Sentirsi felice Dal calore che da’...
Sentire una voce nell'immensità
Che parla di pace D’amore e bontà.
Sentirsi sereni Come stelle lassù
Sentirsi più buoni Ogni giorno di più.
È un giorno di festa, Di serenità,                                                                                       Un giorno d’amore, e di verità. 
(2volte)
Può bastare anche un fiore Alla felicità
Per dare l’amore A chi amore non ha.
guardarsi negli occhi Per scoprire quaggiù
Di volersi più bene Come ha fatto Gesù
Buon natale buon natale buon natale a te!



poesia: Per un natale migliore                   (Matteo, Giacomo, Biniam)                      
Se la felicità vuoi trovare ci son poche cose da fare,                     
via denaro e superficialità, solo l’amore basterà,                        
a rendere il natale migliore, e far ritrovare il vero valore.          

Oggi è natale               (Alex, Christian, Lorenzo)    
Un lento risveglio mattutino mi accompagna di primo mattino,          
oggi è natale c’è aria di festa, inebriante da far girar la testa.         
Tanti sorrisi e saluti felici                                                                                           
Per un nuovo augurio ricco d’amore da riempire ogni cuore.

Din Don Dan 

                      
canzone cantata da tutti 3/4/5       solista Davide.


”Din Don dan, din don dan, din don, din don dan”
Suona allegro il campanil: è Natale in ogni cuore…
”Din don dan, din don dan” che felicità!
Oggi è nato il buon Gesù tra la neve che vien giù.

La renna al Polo Nord scampanellando va,
le strenne porterà a tutti i bimbi buoni
e dalle Alpi al mar i bimbi di quaggiù
aspettano quei doni che regala il buon Gesù

”Din don dan, din don dan, din don, din don dan”

il natale cambierà tutti buoni renderà
”Din don dan, din don dan” che felicità!
Oggi è nato il buon Gesù tra la neve che vien giù.

La neve che vien giù…
Neve che felicità.



poesia: din  don dan    (Anna, Gaia, Veronica, Diletta, Emma, Ilaria, Sofia G)

oggi è un giorno di felicità,  
                                
nel cielo brilla la stella Cometa   
                       
e nel cuore risplende una luce sincera    
            
ricca d'amore, di gioia e di Pace 
                         
sembra raggiungere tutte le case. 
                       
Sembra felice di stare qua  
                                    
a donar a tutti almeno un po’ di felicità!             


poesia: Speranza                   (Giada, Gioia, Sofia M.)

A natale la speranza esce ed entra nella stanza  
                                       
con la nascita di Gesù, tutto il mondo guarda con la testa in su,  
         
sperando in un aiuto o almeno in un tuo saluto.                                       




Tu scendi dalle stelle 

canzone   cantata da tutti con solista Giada

Tu scendi dalle stelle, o Re del cielo,
e vieni in una grotta al freddo e al gelo. (2 v.)
O Bambino mio divino,
io ti vedo qui a tremar;
o Dio beato !
Ah, quanto ti costò l'avermi amato ! (2 v.)
A te, che sei del mondo il Creatore,
mancano panni e fuoco, o mio Signore. (2 v.)
Caro eletto pargoletto,
quanto questa povertà
più m'innamora,
giacché ti fece amor povero ancora. (2 v.)






poesia: A Natale via ogni male   
                                          
(Fabio e tutti gli angioletti)

Or che arriva il Natale, via cacciamo ogni male!

È nato un bambinello, tra un bue e un asinello;

È nato il Salvatore per la gioia di ogni cuore.  

Andiamo dunque ad adorare chi tanto noi sa amare


poesia: La buona novella                

( Giorgia T. e bambine stelline)

Splendete più belle dolcissime stelle!

Sul ali dorate un angelo santo ci porta Gesù.                                                                           
E’ nuovo il suo canto: “sia pace quaggiù!”.   





  
Batti le ali     

canzone cantata da tutti i bambini

Una scala verso il cielo questa musica sarà, 
giù dal mondo fino in cima all'universo arriverà. 
Una festa, un’emozione, tra gli amici in compagnia 
per cantare tutti insieme cielo e terra in sintonia. 
Se sei bambino batti le mani. Se tu sei un angelo batti le ali.
Batti le ali a canta con me: è la festa più bella che c’è. 
Batti le mani e sorridi anche tu: è Natale, è nato Gesù. (2 volte)
Per la pace, per l’amore un accordo nascerà 
e puntando dritto al cuore la speranza chiamerà. 
Una nota dopo l’altra, mille voci in armonia 
per volare tra le stelle sopra questa melodia.
Se sei bambino batti le mani. Se tu sei un angelo batti le ali.
Batti le ali a canta con me: è la festa più bella che c’è. 
Batti le mani e sorridi anche tu: è Natale, è nato Gesù. (2 volte)
E’ Natale, è nato Gesù. E’ nato Gesù. E’ nato Gesù.




Poesia:  bambini del mondo   
       
recitata dai bambini di 5 anni

Noi bambini del mondo al Natale facciamo da sfondo,

Una cosa vogliamo dire in tutta onesta alle mamme ed ai papà,

“Il guaio di voi grandi sono le preoccupazioni che avete senza darci spiegazioni.

Se con i nostri occhi riusciste a guardare vedreste un mondo nuovo da conquistare….

Un mondo fatato, tutto incantato, dove ogni cosa brutta va via 

lasciando il posto alla magia.”

Allora rendiamo speciale questo nostro natale,

perché è la festa di ogni bambino e di chi saprà starsi vicino.



poesia: Natale                          
                                   recitata da tutti

Natale e nelle mie manine, tese a donare mille stelline,

Natale è nei miei occhietti contenti allegri un po’ furbetti,

Natale è nel mio viso, pronto a regalare a tutti un sorriso,

Natale è nel mio cuore piccino, 

che scoppia d’amore anche se sono solo un bambino.



Tanti Auguri buon Natale 

(canzone finale di tutti i bambini)

Tanti auguri a te, tanti auguri a voi.
Tanti auguri a tutti, tanti auguri a voi.

Buon Natale a te, Buon Natale a voi,
Buon Natale a tutti, Buon Natale a voi.

Tanti auguri a te, tanti auguri a voi.

Tanti auguri a tutti, tanti auguri a voi.




























sabato 19 settembre 2015

PROGETTI A.S. 2015-2016


I NOSTRI PROGETTI

“Nuovi cuccioli a Villa Allegra”








ACCOGLIENZA



TEMPI DI SVOLGIMENTO:   Settembre    
                                                       
PERSONE COINVOLTE:  Docenti e non 
                                                           
SITUAZIONE: Accoglienza  
                                                                                 
BISOGNI RILEVATI: manifesta la necessità di gestire i cambiamenti.    
        
  CAPACITA’ D’ENTRATA: Dalla nascita in poi, la vita del bambino è scandita da continui cambiamenti e separazioni, spesso conseguenza dell’acquisizione di nuove abilità e competenze, come, ad esempio, i distacchi dal seno materno, dal ciuccio e dal pannolino.                                                                                                               Dunque, il bambino impara precocemente a gestire il cambiamento, grazie soprattutto al rapporto di fiducia e affetto con i genitori che lo aiutano ad affrontare serenamente queste fasi.
L’ingresso nella scuola dell’infanzia rappresenta un nuovo cambiamento e una nuova fase della vita del bambino, dal momento che, in questo caso, si tratta di acquisire la capacità di gestire una separazione dall'ambiente famigliare e soprattutto dai genitori, di inserirsi nell'ambiente scolastico, di conoscere altri bambini e di instaurare un legame di fiducia ed affetto con una nuova figura “l’insegnante”.
Accogliere i bambini significa, in primo luogo, predisporre un ambiente adatto e confortevole, nel quale gli spazi, i materiali, i tempi, sono progettati e organizzati con cura.                                                                                                                                Lo spazio e il tempo, così diventano per il bambino veri e propri punti di riferimento con precisi significati affettivo - relazionali.                                                                   Per far si che ogni bambino abbia a disposizione il tempo necessario per inserirsi nel nuovo ambiente per riconoscere in esso spazi individuali e collettivi, è fondamentale che la frequenza scolastica inizi e prosegua con successo.                                   Pertanto l’accoglienza dei bambini deve avvenire in modo personalizzato...tenendo conto delle emozioni loro e dei loro famigliari nei delicati momenti del primo distacco, dell’ambientazione quotidiana e della costruzione di nuove relazioni con i compagni e con gli altri adulti.                                                                                                     Perciò diventa indispensabile il ruolo degli insegnanti, che devono mediare la realtà con pazienza, rispettando i tempi di ciascuno e aiutandoli graduando le proposte e le richieste.

O.S.A

·      Favorire la conoscenza e l’utilizzo degli spazi scuola.
·        Conoscenza e rispetto delle regole.
·        Inserirsi gradualmente e serenamente nel gruppo.
·        Superare paure e timori causati dal nuovo ambiente.
·        Rafforzare l’autonomia, la stima di sé e l’identità.
·        Condurre il bambino a scoprire l’importanza degli altri perché insieme potranno            essere vissute molteplici esperienze che saranno d’arricchimento per gli uni e gli            altri.
·        Rispettare e aiutare gli altri cercando di comprendere i loro pensieri, le loro azioni e      i loro sentimenti.
·        Iniziare a imparare a valorizzare sia la collaborazione con gli altri sia ad affrontare        eventuali defezioni. 


O.F
 ·        Familiarizzare con l’ambiente, le insegnanti, i coetanei.
 ·        Percepire i ritmi della giornata scolastica.
 ·        Favorire un rapporto positivo con le persone, le cose e gli spazi della scuola,                 imparando a orientarsi e muoversi in essa con sicurezza. 
 ·       Aiutare il bambino a superare il suo naturale egocentrismo per diventare capace di         condividere e donare. 
 ·        Prendere coscienza dell’appartenenza alla sezione e al gruppo riconoscendo i                 simboli che li identificano. 
 ·       Condividere oggetti e giocattoli. 
 ·        Comportamento corretto in classe, in bagno in refettorio. 
 ·        Accettare progressivamente norme di comportamento riguardante l’organizzazione       sociale. 
 ·        Ascoltare e comprendere testi. 
 ·        Memorizzare filastrocche e poesie.



CONOSCENZE:  - Conoscere la propria identità e quella degli altri.
                              - Conoscere e condividere regole.

 ABILITA’:         - Controllare l’affettività e gestire ed esprimere le esperienze.  
 
COMPETENZE: conosce la propria identità e quella degli altri, rispetta le regole e vive serenamente i cambiamenti quotidiani.

MEZZI E STRUMENTI: fiabe, giochi, stereo, cassette, materiale di recupero e di facile consumo.

VERIFICA E VALUTAZIONE: Griglie di osservazione.

METODI: Insegnante guida e regista, giochi, filastrocche, poesie, canti, attività grafiche pittoriche. 



             



            

--------------------------------------------------------------------




PROGETTO STAGIONI COLORI E RICORRENZE



                                                   




 LE STAGIONI DI VILLA ALLEGRA”



      
TEMPI DI SVOLGIMENTO:   Ottobre/Maggio

PERSONE COINVOLTE:  Docenti e non

SITUAZIONE: Accoglienza

BISOGNI RILEVATI: il progetto racchiude all'interno di vari percorsi, tutte le attività che vedono il bambino impegnato nell'osservazione e la comprensione della realtà naturale che lo circonda.
L’alternarsi delle stagioni, le loro caratteristiche e differenze, sarà lo sfondo tematico in cui verranno collocate le esperienze di tipo naturalistico e scientifico proposte.       La famiglia di Villa Allegra con i suoi cuccioli  saranno per i bambini  guida e stimolo nelle varie attività e situazioni di apprendimento in cui verranno coinvolti.
Ogni progetto stagione è introdotto da un racconto a tema, narrato da uno dei cuccioli di Villa Allegra, corredato di domande ed esercizi specifici per la suddivisione in sequenze logico-temporali.
L’esplorazione della stagione sarà suddivisa in tre parti:
  •         I cambiamento climatici e i comportamenti dell’uomo e degli animali
  •         I cambiamenti nella natura e nell'ambiente
  •         Le feste e le ricorrenze del periodo

               

  L’autunno dei cuccioli saranno la famiglia e i cuccioli di Villa Allegra “il criceto Ivo ed il cane Artù” ad accompagnare i bambini alla scoperta dei colori e delle ricorrenze (festa dei nonni – Halloween) di questa fantastica stagione.
      
 L’inverno dei cuccioli saranno “la tartaruga Uga e il criceto Ivo con i loro racconti ad accompagnare i bambini alla scoperta dei colori e delle ricorrenze (Natale - Carnevale)  di questa fantastica stagione.
            
La primavera dei cuccioli sarà la tartaruga Uga e il canarino Eolo ad accompagnare i bambini alla scoperta dei colori e delle ricorrenze (pasqua – festa del papà e festa della mamma) di questa fantastica stagione.
                
L’estate dei cuccioli saranno il pesciolino onda ed il gatto perla ad accompagnare i bambini alla scoperta dei colori e delle ricorrenze (festa di fine anno scolastico) di questa fantastica stagione.
                                                  
O.S.A.:
·        Collocare persone, fatti ed eventi nel tempo; ricostruire ed elaborare successioni e contemporaneità; registrare regolarità e cicli temporali.
·        Localizzare e collocare se stessi, oggetti e persone nello spazio, eseguire percorsi o organizzare ambienti sulla base di indicazioni verbali e/o non verbali, guidare in maniera verbale e/o non verbale il percorso di altri, oppure la loro azione organizzativa riguardante la distribuzione di oggetti e persone in un ambiente.
·        Adoperare lo schema investigativo del “chi, che cosa, quando, come, perché?” per risolvere problemi, chiarire situazioni, raccontare fatti, spiegare processi.
·        Ricordare e ricostruire attraverso diverse forme di documentazione quello che si è visto, fatto, sentito, e scoprire che il ricordo e la ricostruzione possono anche differenziarsi.
·        Rispettare e valorizzare il mondo animato e inanimato che ci circonda.
·        Curare in autonomia la propria persona, gli oggetti personali, l’ambiente e i materiali comuni nella prospettiva della salute e dell’ordine.
·        Disegnare, dipingere, modellare, dare forma e colore all’esperienza sia individualmente che in gruppo, con una varietà creativa di strumenti e materiali, “lasciando traccia di sé”.

O.F. :
*    Osservare ed apprezzare le trasformazioni ambientali attraverso le potenzialità sensoriali, espressive e rappresentative per simbolizzare le trasformazioni inerenti alle stagioni.

CONOSCENZE:
Ø Sviluppare le capacità di osservare, esplorare, manipolare con l’impiego dei sensi gli aspetti che caratterizzano le stagioni. (2,3,4,5,anni)
Ø Conoscere il concetto di successione temporale (prima - dopo) in relazione ad esperienze di vita quotidiana, riferibili alla giornata scolastica, ai cicli naturali, a elementari esperienze scientifiche. (2,3,4,5,anni)
Ø Riconoscere colori e suoni legati alle stagioni. (2,3,4,5 anni)
Ø Ascoltare, comprendere, memorizzare racconti e poesie sulle stagioni.(2,3,4,5 anni)
Ø Conoscere il mutare della natura (alberi,frutta,animali ecc.) e del modo di vivere e di vestire a seconda dei cambiamenti che avvengono durante il mutare delle stagioni. (2,3,4,5 anni)
Ø Rielaborare verbalmente e graficamente le esperienze, realizzare decorazioni e addobbi a tema.(2,3,4,anni)
ABILITA’:                    
§  Saper osservare, esplorare e manipolare diverso materiale con l’utilizzo dei sensi.
§  Saper riconoscere la successione temporale (prima – dopo)
§  Saper utilizzare i colori in modo adeguato.
§  Saper ascoltare e comprendere racconti e poesie.
§  Saper riconoscere i cambiamenti che avvengono durante il mutare delle stagioni.
COMPETENZE:
v Sa rielaborare verbalmente e graficamente le esperienze.
v Riconosce i colori e i suoni legati alle stagioni.
v Ascolta e comprende racconti e poesie.
v Sviluppa le capacità di osservazione, esplorazione e manipolazione attraverso le percezioni sensoriali.
MEZZI E STRUMENTI: giochi, stereo cassette, cd, colori acquarelli, cere, tempere, a dita, gessi, pastelli pennarelli, carta,  spugne, pennelli, materiale di recupero e di facile consumo.
VERIFICA E VALUTAZIONE: Griglie di osservazione.
METODI: Insegnante guida e regista, storie, immagini, filastrocche, poesie, giochi, canti, attività grafiche pittoriche e manipolative. Uscite in cortile per osservare ed esplorare.                                                                                                                                       

Se necessita eventuale attività di recupero/potenziamento/sostegno.




--------------------------------------------------

“Progetto interculturalità”   





                                          





TEMPI DI SVOLGIMENTO:    Settembre - Dicembre

PERSONE COINVOLTE:  Docenti e non

SITUAZIONE: Accoglienza


BISOGNI RILEVATI: l’interculturalità è un argomento di particolare importanza nella scuola in quanto include la ricerca e l’approfondimento di valori universali propri delle diverse culture. Non si tratta quindi solo di capire ciò che distingue una cultura dall'altra, ma soprattutto ciò che le accomuna.
“Apprezzare l’altro non perché è simile a me, ma perché è unico nel suo genere”

CAPACITA’ D’ENTRATA: conoscere i valori delle diverse culture per favorire la valorizzazione delle diversità da cogliere come ricchezza per ciascuno.
Il percorso didattico inizia con la lettura di un racconto “una storia fantastica” che ha come protagonisti alcuni animali caratteristici dei vari continenti.

O.S.A
·        Riconoscere l’identità propria e quella degli altri.
·        Riconoscere la propria appartenenza ai diversi gruppi: famiglia, scuola, amici.
·        Interagire con gli altri in modo corretto.
·        Stabilire rapporti di amicizia e collaborazione.
·        Riconoscere, comprendere e rispettare norme di comportamento e convivenza.

O.F.
·        Conoscere gli ambienti geografici.
·        Scoprire gli animali che popolano i diversi ambienti e le loro caratteristiche.
·        Conoscere i valori universali.
·        Conoscere gli usi e le ricorrenze di altre culture: saluti, feste nel mondo.
·        Apprezzare il dono della pace attraverso l’accoglienza, la conoscenza e l’ascolto dell’altro.
·        Condividere esperienze.

CONOSCENZE: conoscere,  valorizzare e rispettare le diversità.

ABILITA’: riconosce, rispetta ed è consapevole delle diversità altrui.

COMPETENZE: E’ consapevole delle differenze e sa averne rispetto.

MEZZI E STRUMENTI: Attraverso  l’uso  di  un’ampia  varietà  di  strumenti  e  materiali,  anche  multimediali  (audiovisivi, tv,cd-rom, computer) per produzioni video che presentino ambienti relativi ai continenti per “sorvolare” il mondo e riflettere sulla propria collocazione. Giochi e attività per lo sviluppo dell’identità personale e sulla conoscenza dell’altro, giochi di fiducia e sul contatto corporeo, sul tema della pace e dell’amicizia, che faranno sempre riflettere sul significato dello star bene insieme.

VERIFICA E VALUTAZIONE: Griglie di osservazione sistematiche

METODI: Insegnante guida e regista, giochi, filastrocche, poesie, canti, attività grafiche pittoriche e manipolative.






----------------------------------------------------------------

PROGETTO DI EDUCAZIONE MOTORIA PER LA SCUOLA DELL’INFANZIA.
Giocando in movimento    
                             
Educazione Motoria “mi muovo attraverso le stagioni”

TEMPI DI SVOLGIMENTO:   OTTOBRE – MAGGIO

OGGETTO:
Il progetto sovra menzionato vede protagonisti assoluti i bambini dell’età pre-scolare ed è tenuto da SILVIA CANELLA un’insegnante laureata in Scienze Motorie che, con lezioni collettive e settimanali, seguirà i bambini a partire da novembre fino a maggio compresi. Le lezioni saranno svolte in un locale messo a disposizione dalla scuola che, in tal caso, è il salone di accoglienza dei bambini.

OBIETTIVI GENERALI
Le finalità generali e quindi i bisogni principali che inducono allo svolgimento del corso di educazione motoria sono:
                -Socializzazione e sviluppo relazionale.
                -Sviluppo psicologico.
                -Sviluppo organico e muscolare.
                -Sviluppo affettivo e intellettivo.

OBIETTIVI SPECIFICI
Gli obiettivi di apprendimento sui quali verranno poi impostate le lezioni sono stati raggruppati in 4 ambiti principali:

1)AMBITO DELLA CONOSCENZA DEL CORPO.
                -Percezione del corpo, in modo globale
                -Segmentarietà, ovvero presa di coscienza dei diversi segmenti del proprio corpo.
                -Percezione e controllo della respirazione
                -Controllo del tono muscolare        e rilassamento psicosomatico.
                -Presa di coscienza della dominanza corporea

2)AMBITO DELLA COORDINAZIONE GLOBALE 
                -Coordinazione dinamica generale, ovvero sviluppo dei più comuni schemi motori (camminare, correre, saltare, rotolare)               
                -Sviluppo dell’equilibrio (statico/posturale e dinamico) attraverso il controllo del corpo in situazioni di disequilibrio ed esercizi graduali che puntano principalmente all'equilibrio statico
                -Lateralità, ovvero l’uso preferenziale di un lato del corpo, attraverso l’esecuzione di atti motori che richiedono l’uso di una sola mano, un solo piede o un solo occhio.
                -Sviluppo delle capacità condizionali
                -Mantenimento della mobilità articolare fisiologica.

3)AMBITO DELLA COORDINAZIONE SPECIFICA
                -Coordinazione oculo-segmentaria, ovvero acquistare la capacità di coordinare la motricità degli arti e del corpo in base alle valutazioni visive (coordinazione occhio-mano e occhio-piede)
                -Utilizzo della motricità distale fine per giungere allo sviluppo di capacità quali mira e destrezza.


4)AMBITO DELLA STRUTTURAZIONE SPAZIO-TEMPORALE
                -Strutturazione spazio-temporale, ovvero sapersi organizzare spontaneamente nello spazio a disposizione
                -Percepire gli elementi dello spazio e assimilazione dei concetti di spazio-tempo (dentro, fuori, sopra, sotto, basso,     alto, destra, sinistra, etc.)
                -Orientare se stessi nello spazio
                -Orientare se stessi in rapporto agli altri
                -Muoversi spontaneamente adeguandosi ad un fenomeno sonoro e sviluppo dei primi concetti di ritmo.


STRUMENTI DIDATTICI
Le attrezzature necessarie per lo svolgimento del corso comprendono una serie di palloni in plastica, cerchi, bastoni in pvc, clavette, funicelle, coni, appoggi, ecc. e materiale di recupero presente nella scuola, che diventa spesso utile per lo svolgimento di alcune lezioni.

METODI
Il criterio generale è quello di suddividere i bambini in gruppi omogenei per numero ed età. I bambini vengono suddivisi in due gruppi: un primo gruppo che mette insieme i bambini di tre e quattro anni ed un secondo gruppo che raccoglie i bambini di quattro e cinque anni. Questi due gruppi di bambini saranno coinvolti per 45 – 50 minuti.
È inoltre previsto, a partire dal mese di gennaio, un coinvolgimento dei bambini iscritti alla “Sezione Primavera” che prevederà una partecipazione di tali bambini per 20-25  minuti.
Le lezioni vengono svolte alla mattina quando l’attenzione del bambino è massima. L’ambiente nel quale si svolge l’attività è quello conosciuto e vissuto tutti i giorni dai bambini.



 Associazione Sportiva Dilettantistica
VOLLEY ARIANO
Via Canova, 18 – 45012 Ariano nel Polesine (RO)
Codice Fiscale/Partita Iva 01408360293
Tel 0426 372113 Fax 0426 372114
Email: volleyariano@libero.it
                                                                             L’INSEGNANTE     Canella Silvia


                                                                               
------------------------------------------------------

 
      



                                                                          


                                                        


                                                             
EDUCAZIONE STRADALE

Titolo: Strada sicura

Analisi della situazione iniziale: L’obbligatorietà dell’insegnamento dell’educazione stradale nelle scuole di ogni ordine e grado viene sancita con l’articolo 230 del decreto legislativo 285/1992.
L’obbiettivo chiave cui tale insegnamento mira si concretizza nell'acquisizione progressiva delle conoscenze e delle abilità indispensabili perché il bambino diventi un cittadino consapevole in grado di tutelare la propria e l’altrui incolumità per l’intero arco della vita.

O.F.(Obbiettivi formativi):
-riconoscere situazioni di pericolo
- accettare e condividere le regole
-confrontare forme e grandezze
-riconoscere la forma e il significato dei principali cartelli stradali
(stop-segnali di pericolo-segnali di divieto e/o obbligo-segnali di indicazione-semaforo)

Motivazione:  Un percorso di educazione stradale nella scuola dell’infanzia rappresenta un’occasione educativa fondamentale, nella convinzione che un’educazione precoce e continua sui temi della legalità e della sicurezza contribuisca alla formazione di coscienze consapevoli.

Il progetto mira a:
-      Formare cittadini sicuri e consapevoli del sistema stradale, sviluppando comportamenti che garantiscono la sicurezza per sé e per gli altri.
-      Creare le condizioni affinché i bambini, oggi pedoni e piccoli ciclisti, siano un domani pedoni, automobilisti, ciclisti e motociclisti coscienziosi, responsabili e consapevoli.

Persone coinvolte:docenti, bambini,persone esterne
                                                                                   
Tempi: flessibili, due settimane

Spazi: salone,cortile,strade del paese,sezione-laboratorio.

Materiali: libri,modelli di segnali stradali, materiale grafico, pittorico-manipolativo, osservazione dirette delle strade….

Situazione di partenza: I bambini saranno accostati  alle regole della strada tramite un personaggio fantastico.

Attività: giochi simbolici e motori ; osservazione dirette dei segnali stradali con una passeggiata per le vie del paese; libro operativo ; elaborati grafici con tecniche varie; costruzione del semaforo con cartone e carta colorata trasparente, presentazione dei principali segnali stradali e loro riconoscimento ; poesia sui segnali stradali ; racconti.


Competenze:
-Il bambino sa riconoscere le situazioni di pericolo
-E’ disponibile ad accettare e condividere le regole
-Sa confrontare forme e grandezze

Verifiche – valutazione: schede di valutazione , attività di circle time

Documentazione : le attività del bambino verranno documentate attraverso disegni liberi o guidati, schede di verifica manufatti costruiti dal bambino (es.costruzione del semaforo)!

Ruolo insegnante: l’insegnante funge da risposta , dispone il materiale, organizza gli spazi , stimola le curiosità e aiuta il bambino a cercare la soluzione dei problemi. 






 
                    
---------------------------------------------------------------







prelettura- prescrittura -precalcolo

 u.a.  5 anni   "A b c .......1 2 3 ....."



TEMPI : tutto l’anno scolastico

SPAZI :  sezione

PERSONE COINVOLTE :  docenti

BISOGNI RILEVATI :  manifestano curiosità verso numeri e lettere stimolati dall’ambiente circostante

CAPACITÀ IN ENTRATA :  Riconosce in parte lettere e numeri ma non comprende a corrispondenza tra segno grafico e il suo fonema

O.S.A :  formula ipotesi sulla lingua scritta e sperimenta le prime  forme di comunicazione attraverso la scrittura. Il bambino raggruppa e ordina secondo criteri diversi,  confronta e valuta quantità, utilizza simboli per registrare

O.F :      riconosce e utilizza codici convenzionali attraverso giochi guidati e approccio alla scrittura e alla numerazione per comprendere la corrispondenza tra segno grafico e il suo fonema

CONOSCENZE:  riconoscere la rappresentazione grafica del simbolo numerico e del simbolo alfabetico

ABILITÀ : comprendere e associare il simbolo alfabetico al suo fonema

COMPETENZE    riconosce, comprende e associa il simbolo numerico alla quantità                                                          e il simbolo alfabetico al suo fonema

MEZZI E STRUMENTI :    quaderno, schede, pastelli, matite, gomme, forbici,temperino, memory, tombola, registratore;

VERIFICA E VALUTAZIONE :     griglia di osservazione sistematica,  prove di scrittura spontanea;

METODI : insegnante guida e regista, favole e filastrocche, giochi, attività grafiche;
                        







----------------------------------------------------




  Progetto di lingua straniera 


                     
            “english for puppies”                  
            
              


TEMPI DI SVOLGIMENTO : L’ intero anno scolastico

PERSONE COINVOLTE : Docente

SITUAZIONE : Progetto inglese

BISOGNI RILEVATI :BISOGNI RILEVATI : l’approccio alla lingua inglese nella scuola dell’infanzia rappresenta e deve essere vissuto dai bambini come un momento di avvicinamento e contatto con una lingua diversa dalla propria. I bambini si troveranno di fronte a un codice di comunicazione completamente o quasi sconosciuto, che avranno opportunità di scoprire, a poco a poco, in un ambiente famigliare e attraverso la mediazione della loro figura di riferimento, l’insegnante.
In quest’ottica noi insegnanti intendiamo coinvolgere i bambini nell'apprendimento della lingua straniera fin dall'età prescolare. E’ indispensabile chiarire preliminarmente che l’attività in lingua straniera va attuata nel rispetto delle specificità pedagogiche e metodologiche della scuola dell’infanzia.
Pertanto l’approccio alla lingua straniera avviene in una dimensione ludico –narrativa, non come un insegnamento precoce ma come una sensibilizzazione del bambino ad un codice linguistico diverso da quello materno e, in generale di un’altra cultura, per creare le basi per il futuro sviluppo del senso di appartenenza a una comunità-mondo, un fondamento necessario alla realizzazione del nuovo concetto di cittadinanza. 

O.S.A. :
·         Comprende il significato di vocaboli in relazione alla realtà scolastica,alla famiglia,agli animali,alla natura.
·         Formala semplici domande in lingua inglese
·         Abbina le parole alla immagini per memorizzare semplici parole
·         Conosce e memorizza la gamma cromatica
·         Sviluppa la conoscenza di sé indicando verbalmente  in lingue inglese le parti del corpo
·         Impara a contare fino a dieci usando una lingua diversa
·         Riproduce semplici canti e poesie.

O.F :
·         Impara ad utilizzare in modo appropriato vocaboli e comandi in lingua straniera.

CONOSCENZE :
·         Sviluppare la capacità di comprendere il significato di vocaboli di lingua straniera
·         Riconoscere,abbinare,relazionare i vocaboli della lingua nuova alla sua lingua di partenza
·         Ascoltare,comprendere,riprodurre semplici canti e poesie in lingua straniera
·         Rielaborare verbalmente le conoscenze acquisite per formulare semplici quesiti.

ABILITA’:
·         Saper relazionare il significato di una parola al suo corrispettivo di lingua inglese
·         Saper utilizzare  i vocaboli acquisiti
·         Saper ascoltare e comprendere semplici canti e poesie.

COMPETENZE :
·         Sa rielaborare verbalmente i contenuti  di lingua straniera acquisiti.
·         Riconosce suoni e parole di lingua inglese.
·         Sviluppa le capacità di comprendere e riprodurre suoni e vocaboli stranieri.
  
MEZZI E STRUMENTI :Materiale di facile consumo per le attività grafico pittoriche,cd

VERIFICA E VALUTAZIONE :  La conoscenza dei vocaboli viene verificata con  quesiti orali che si svolgono nella                                            prima  mezzora di ogni lezione.  

METODI : Insegnante guida, libro didattico,filastrocche,poesie,canti,immagini.