Post più popolari

martedì 6 giugno 2017

Saggio di fine anno "Viaggiando con Pepe"


Festa di fine anno  

Canzone d’introduzione: Si Signor                                                                                   (con Antonella)                                                                                                         

Canzone d’inizio: “Il mio amico Pepe”           



Ho un amico davvero speciale simpatico, unico, eccezionale.                                    
Con lui tanto mi diverto, imparo e son contento.                          



Rit: E’ Pepe Pepe Pepe Pepe l’amico che sta sempre con me.

E’ Pepe Pepe Pepe Pepe se vuoi abbraccia pure te.                       



Mi sta sempre vicino vicino non mi lascia un momentino.                                              Se son triste mi consola, se son contento fa la “hola”.



Rit: E’ Pepe Pepe Pepe Pepe l’amico che sta sempre con me.

E’ Pepe Pepe Pepe Pepe se vuoi abbraccia pure te.  

Lo trovo sempre a scuola nascosto in ogni cosa.                                                               A casa mi accompagna ed è proprio una cuccagna.               

Rit: E’ Pepe Pepe Pepe Pepe l’amico che sta sempre con me.

E’ Pepe Pepe Pepe Pepe se vuoi abbraccia pure te.  

----------------------------------------------------------------------Gaia e Giorgia

Pepe è un topo molto molto curioso è arrivato nella nostra scuola                               per raccontarci molte storie e ad insegnarci ad amare i libri con i loro racconti.                                                                                                                            Ci ha portato anche la filastrocca della settimana di Pepe:

recitata dai bambini di ¾ anni-------------------------------------------------

Canzone: “Pepe racconta storie”

Sono Pepe cari bambini, grandi, mezzani, piccolini,                                                       le vostre storie voglio ascoltare e ne ho tante da raccontare.

Rit.Tu ascolti me ed io ascolto te:                                                                            questo è il momento più magico che c’è!

Quello che gli altri han da dire nasconde emozioni a non finire,                                 seduti in cerchio ad ascoltare ciò che il cuore vuol raccontare.                               Rit.Tu ascolti me ed io ascolto te:                                                                                questo è il momento più magico che c’è!

Ora preparati a viaggiare, con le pagine di un  libro si può volare,                                 se dai spazio alla fantasia, vedrai che il tempo scapperà via.

 Rit.Tu ascolti me ed io ascolto te:                                                                           questo è il momento più magico che c’è!

Se la magia vuoi continuare, portami a casa, non aspettare:                                       prendi me col mio zainetto ed un libro ancora non letto!

Rit.Tu ascolti me ed io ascolto te:                                                                                     questo è il momento più magico che c’è!



Beatrice e Letizia

Pepe ha una libreria molto grande con più di mille libri,                                                 ci sono quelli di avventura e di paura, illustrati e cartonati,                                            di animali e di storie banali, da ridere e da osservare                                                    ma sempre con gioia da sfogliare.                                                                                     I libri si amano perché:

Filastrocca: (bambini di 4 anni) (tutti insieme)

Perché un libro ha un buon odore,                              

un libro ha un buon sapore,                                         

un libro è di sostanza,                                                      

un libro è abbondanza.                                                      

Un libro ha un bel colore,                                                  

un libro è come amore.                                                               

un libro è cibo buono,                                                                                            

un libro è fresco dono.                                                                    

Su un libro ci si posa come ape sulla rosa.                           

-------------------------------------------------------------------------------

Canzone “Il topo con gli occhiali”
Solista: In una libreria dietro agli scaffali aveva la sua tana un topo con gli occhiali,    di giorno dormicchiava, così si nascondeva, nessuno immaginava che lui vivesse li. Però quando il libraio di sera andava via, il topo riaccendeva le luci in libreria e poi negli scaffali un libro si pigliava e a leggere iniziava con gran curiosità.


Coro: Evviva la lettura! Comincia l’avventura,                                                              un sogno ad occhi aperti nel mondo che vuoi tu.

Solista: I libri sono ali che aiutano a volare, i libri sono vele che fanno navigare, i libri sono inviti a straordinari viaggi, con mille personaggi l’incontro sempre c’è.

Coro: Uh!

Solista: Accadde che il libraio da un po’ andato via però una certa sera tornò in  libreria. Il topo con gli occhiali passò un brutto guaio, ma lui pregò il libraio in lacrime così:

Coro: non mi cacciare via

Solista: da questa libreria

Coro: perché io amo troppo

Solista: i libri che son qui.

Coro: i libri sono amici che fanno compagnia, i libri sono sogni di accesa fantasia, i libri son momenti di gioia e commozione, non manca l’emozione che un brivido ti da.

Solista: il topo con gli occhiali così ebbe il permesso di stare col libraio e fu un gran successo. Sull’uscio del negozio il topo si affacciava e il pubblico invitava:             “venite tutti qua”

Solista: entrate in libreria!

Coro: perché vi piacerà!

Solista: entrate in libreria! Perché vi piacerà!

Coro: vi piacerà!


Filastrocca dei libri: (Recitata da Anna-Diletta-Ambra-Emma-Veronica-Ilaria)

Aprili piano, aprili forte, aprili come se fossero porte.

Porte che danno su enormi saloni, su scale a chiocciola, o lunghi scaloni.

Sfoglia ogni pagina con gran cautela, qui c’è una buca, qui una ragnatela.

Dentro ogni libro c’è un sacco da fare:

Cose da leggere e da immaginare, 

Cose stranissime e da imparare, parole nuove e storie rare,

Poi corri fuori e comincia a giocare.



Filastrocca del libro: (Nicolas-Rocco-Tommaso-Simone-Andrea)

Il libro racconta storie, avventure e tante glorie.                                                             Ci trovi immagini e notizie, streghe, maghi e profezie.                                           Scopri animali tra le pagine esplori spazi senza fine.                                                   C’è un mondo da esplorare, tante parole da emozionare.                                            Con un libro si può anche giocare, ma tante cose di certo puoi imparare.


Storia mimata      (Davide e Riccardo)

D: Cera una volta, molto tempo fa un pianeta che nessuno sa, dove era sempre giorno, ed il sole regnava incontrastato.

R: in questo pianeta vivevano topini di 4 colori,                                                    c’erano i topini blu che ne sapevano sempre di più.

Topini blu: (noi sappiamo sempre tutto)

C’erano i topini neri che erano un tantino seri.

Topini neri: (noi non ridiamo mai)

C’erano i topini bianchi che erano sempre stanchi.

Topini bianchi: (oh che sonno noi siamo stanchi)

C’erano i topini verdi che erano un tantino sordi

Topini verdi. (Ah, come, cosa c’è)

D: in questo pianeta era facile riconoscersi bastava guardare il colore per sapere con chi si aveva a che fare e per questo non si usava parlare.

R: in questo pianeta un giorno il sole disse: “ho bisogno di una vacanza”                  così fece i bagagli e partì.

D: senza la luce del sole il cielo divenne nero e i topini non si riconoscevano più dal colore e così furono costretti a parlare e successe allora una cosa strana, ora che non vedevano più il colore incominciarono a guardarsi con il cuore, il cuore ha un solo colore il colore dell’amore.

R: quando il sole tornò dalla vacanza incominciò a sentire uno strano baccano e vide

Topini verdi parlare con i bianchi che non sembravano stanchi,

Topini blu ascoltare chi ne sapeva di più,

Topini neri ridere tanto da non sembrare più seri.

D: e così da quel giorno in quel pianeta tutti i topini vissero felice e contenti perché avevano scoperto il colore dell’amore.

Saggio di musica e ginnastica

Canzone pepe muove il corpo (con Silvia e i bambini di 5/6 anni)

Canzone uno due tre (con Antonella e Silvia bambini di 4/5 con strumenti, bambini di 5/6 con attrezzi)

Canzone con le mani (con Antonella tutti i bambini 2/3/4/5)



 Filastrocca recitata dai bambini di 5/6 anni “Se i libri fossero”

Se i libri fossero di torrone, ne leggerei uno a colazione.
Se un libro fosse fatto di prosciutto, a mezzogiorno lo leggerei tutto.
Se i libri fossero di marmellata, a merenda darei una ripassata.
Se i libri fossero frutta candita, li sfoglierei leccandomi le dita.
Se un libro fosse di burro e panna, lo leggerei prima della nanna.


Canzone finale: “le vacanze di Pepe”

Un anno di scuola è passato tante cose con pepe ho imparato.

Adesso finalmente è tempo di vacanza ma non posso rinunciare alla sua vicinanza.

Rit. Pepe in vacanza con me, al mare ai monti anche con te. Pepe in vacanza con me, in campagna al lago solo per te.

Al mare possiamo andare sulla spiaggia per giocare. Con pepe faccio un bel tuffo e in nuove avventure mi butto.

Rit. Pepe in vacanza con me, al mare ai monti anche con te. Pepe in vacanza con me, in campagna al lago solo per te.

In montagna possiamo esplorare tra i boschi freschi passeggiare.

Con pepe faccio un picnic e sopra le foglie sento cric-cric.

Rit. Pepe in vacanza con me, al mare ai monti anche con te. Pepe in vacanza con me, in campagna al lago solo per te.

In campagna a curiosare gli animali da guardare.

Con pepe faccio una cavalcata sul pony che faticata!

Rit. Pepe in vacanza con me, al mare ai monti anche con te. Pepe in vacanza con me, in campagna al lago solo per te.

Al lago me ne andrei con la barca per i fatti miei.

Con pepe poi faccio una capanna al caldo per la nanna.

Rit. Pepe in vacanza con me, al mare ai monti anche con te. Pepe in vacanza con me, in campagna al lago solo per te.



Saggio di ginnastica con Silvia con i bambini di 2 / 3 / 4 anni

Uscita dopo il saggio dei remigini saggio di flauto con Antonella

Poesia di ringraziamento per le maestre:

nella mia scuola c’è un sacco di allegria,                                                       ma ora siamo grandi e dobbiamo andare via.
tra le pagine del libro scritte col pensiero                                                   con l’inchiostro più indelebile e sincero,                                                abbiamo scritto grazie maestre                                                                        per la pazienza e la costanza,                                                                             per la vostra silenziosa vicinanza,                                                                    per il sostegno e la perseveranza,                                                                                                  durante questi anni ricchi di emozioni ed affanni.                                       non abbiamo imparato solo la lezione,                                                             voi avete saputo colorare ogni stagione.                                                        per sempre ricorderemo le belle giornate,                                                        le cose fatte insieme, le allegre risate.



Consegna diplomi e piccolo rinfresco.



Qui di seguito le foto della festa.